26/10/2015 - Testamento Biologico

COSA: E’ il Registro che raccoglie le “Dichiarazioni anticipate di volontà”, dette anche “Testamento biologico”. Si tratta di documenti scritti contenenti le manifestazioni di volontà di coloro che intendono indicare in anticipo i trattamenti medici ai quali essere o non essere sottoposti nel caso in cui si trovassero in condizione d'incapacità. 

CHI: I cittadini maggiorenni residenti a Dalmine.

COME: A partire dal 2 novembre, per depositare la dichiarazione di volontà bisogna fissare un appuntamento al numero 0356224886 dell’Ufficio di Stato Civile presso la Sede Municipale, Piazza Libertà n. 1.
Al momento del deposito della dichiarazione, il dichiarante deve presentarsi con il/ fiduciario/fiduciari dallo stesso individuati (persone di fiducia che si occuperanno di divulgare e far rispettare le volontà sottoscritte) tutti con il proprio documento di identità.

QUANTO: Nulla

COSA FARE: Una copia del testamento, con le fotocopie dei documenti di identità, sia del dichiarante che dei fiduciari, va consegnata in busta chiusa all'ufficio Servizi Demografici; l'incaricato al ritiro non è a conoscenza delle dichiarazioni e dei documenti inseriti nella busta e non è responsabile del suo contenuto.

Dichiarante e fiduciario compileranno e firmeranno davanti all'impiegato comunale la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in triplice copia.

La busta chiusa contenente il testamento viene numerata e sigillata; il numero viene annotato nel Registro dei Testamenti Biologici istituito presso il Comune di Dalmine; e riportato sulla dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà sottoscritta.

Al dichiarante viene rilasciata una copia della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà presentato con il numero di Registro assegnato.

ALTRE INFORMAZIONI: La dichiarazione contiene le volontà espresse in forma libera in materia di trattamenti sanitari, allo scopo di far valere tale diritto anche nel caso in cui ci si trovi nello stato di incapacità di esprimere il proprio consenso o dissenso informato rispetto alle specifiche cure.

Nel documento è possibile descrivere le volontà anche per quanto riguarda il fine vita, la donazione degli organi, la donazione del proprio corpo alla scienza, il rito funerario e le funzioni religiose, la cremazione e la eventuale dispersione delle ceneri o la tumulazione del proprio corpo, fatte salve le specifiche disposizioni di legge per ogni materia.

RIFERIMENTI NORMATIVI:  Delibera del Consiglio Comunale del 19/10/2015 n. 83


ALLEGATI