Il risparmio energetico tra obbligatorietà e opportunità - 2016

Il PAES Dalmine - risparmio energetico tra obbligatorietà e opportunità

Il Comune, con l'approvazione, nel maggio 2012, del PAES - Piano d'Azione per l'Energia Sostenibile, ha assunto l'obiettivo di ridurre sul proprio territorio le emissioni di gas serra oltre il 20% entro il 2020.

Poiché gli edifici residenziali (singole case o condomini) incidono sui consumi, sulle emissioni e soprattutto sulle “bollette energetiche” delle famiglie, intervenire sulla riqualificazione energetica delle abitazioni è divenuta una priorità, soprattutto per gli edifici realizzati prima degli anni ’80 ossia prima dell’entrata in vigore della normativa sul risparmio energetico.

Tuttavia alcune criticità stanno impedendo la diffusione ampia di tale forma di riqualificazione: la difficoltà economica delle famiglie, che porta a limitare gli interventi a solo quelli minimi e/o obbligatori e a ritenere troppo lungo il tempo di rientro dell'investimento per gli interventi sugli involucri edilizi, la mancanza di informazioni tecniche e la scarsa consapevolezza dell'impatto ambientale degli sprechi energetici condominiali.

Ma se il Patto è un impegno del Sindaco e di tutta la Giunta di Dalmine, non vi può essere alcuno sviluppo sostenibile o il raggiungimento degli obiettivi del PAES, senza la partecipazione diretta ed attiva di ogni singolo cittadino, delle famiglie, degli imprenditori e di tutti gli operatori del territorio.

Molto è stato fatto e molto c’è ancora da fare, ma non tutti sanno cosa.

Nella sottostante sezione “allegati” sono disponibili informazioni sulle “obbligatorietà” normative (ad es. l’applicazione delle valvole termostatiche ed il ricorso alla contabilizzazione individuale, entro 31 dicembre 2016) e sulle opportunità economico - fiscali anno 2016 (detrazioni fiscali del 65% per la riqualificazione energetica).


ALLEGATI