CUC - Centrale Unica di Committenza

La “centrale di committenza” è definita dall’art. 3, comma 34, del D.Lgs. 163/06 e s.m.i. (c.d. Codice dei contratti) come un’amministrazione aggiudicatrice che acquista forniture o servizi destinati ad amministrazioni aggiudicatrici o altri enti aggiudicatori; aggiudica appalti pubblici o conclude accordi quadro di lavori, forniture o servizi destinati ad amministrazioni aggiudicatrici o altri enti aggiudicatori.

Il comma 3 bis dell’art. 33 del Codice dei contratti prevede che “I Comuni non capoluogo di provincia procedono all’acquisizione di lavori, beni e servizi nell’ambito delle unioni di comuni di cui all’articolo 32 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, ove esistenti, ovvero costituendo un apposito accordo consortile tra i comuni medesimi e avvalendosi dei competenti uffici anche delle province, ovvero ricorrendo ad un soggetto aggregatore o alle province, ai sensi della legge 7 aprile 2014, n. 56. In alternativa, gli stessi Comuni possono acquisire beni e servizi attraverso gli strumenti elettronici di acquisto gestiti da Consip S.p.A. o da altro soggetto aggregatore di riferimento. L’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture non rilascia il Codice Identificativo gara (CIG) ai comuni non capoluogo di provincia che procedano all’acquisizione di lavori, beni e servizi in violazione degli adempimenti previsti dal presente comma. Per i Comuni istituiti a seguito di fusione l’obbligo di cui al primo periodo decorre dal terzo anno successivo a quello di istituzione”.

Le recenti evoluzioni normative, tese alla razionalizzazione ed al contenimento della spesa pubblica, hanno introdotto per gran parte della contrattualistica pubblica relativamente ad appalti di lavori, servizi e forniture, disposizioni che richiedono sistemi di acquisto centralizzati/aggregati, al fine di rendere maggiormente efficienti i processi di approvvigionamento e di poter contare su risparmi derivanti da economie di scala.

In tale ottica i Comuni di Dalmine e Levate, in data 19 dicembre 2015, hanno sottoscritto una convenzione, che è espressione dei rapporti di collaborazione esistenti tra i due Enti. (link alla convenzione).

Tale convenzione persegue la finalità di razionalizzare ed uniformare le procedure di aggiudicazione degli appalti di opere pubbliche e di fornitura di beni e servizi attraverso la costituzione di una struttura unitaria qualificata in grado di fornire ampie garanzie di legalità e di trasparenza.

Di seguito le sezioni dedicate alle gare in corso di aggiudicazione e a quelle aggiudicate.