Lotta alle mosche  

CHE COSA È E A CHE COSA SERVE :  

Ogni anno, con l’approssimarsi della stagione calda, si ripresentano condizioni favorevoli per la proliferazione di insetti e mosche che, sotto il profilo igienico – sanitario, oltre a causare molestie possono determinare una serie di problematiche connesse ai rischi di diffusione di malattie infettive trasmissibili all’uomo, specie quelle legate al ciclo oro-fecale.

Negli ultimi anni alcune zone del nostro territorio sono state interessate da infestazioni muscidiche massicce che hanno creato non pochi disagi alla popolazione.

La presenza di mosche negli allevamenti, e di conseguenza nel territorio circostante, è proporzionale alla vicinanza degli insediamenti e delle aree coltive alle aree residenziali, alla gestione dell’insediamento per quanto riguarda le attività di pulizia e la manutenzione dei locali di ricovero e stabulazione animali, confezionamento uova e deposito latte, alla gestione dei trattamenti di disinfestazione e al corretto stoccaggio e gestione dei rifiuti zootecnici.

Le deiezioni di animali, in considerazione del loro grado di umidità e temperatura, sono un terreno favorevole per lo sviluppo delle larve.

Un efficace controllo degli infestanti si può conseguire rimuovendo le condizioni di insalubrità ambientale e assicurando una corretta gestione degli allevamenti di animali e dei lori reflui.

La lotta contro le mosche domestiche va condotta dai soggetti pubblici e privati, per le rispettive competenze, prioritariamente per mezzo di azioni di prevenzione e di bonifica dell’ambiente ed usando prodotti disinfestanti ad integrazione delle operazioni di igiene ambientale.

Sulla base delle misure cautelari trasmesse dal Direttore Generale della A.T.S. di Bergamo, il Sindaco deve mettere in atto, in via cautelativa, ogni mezzo necessario di lotta contro l’infestazione muscina a tutela della salute pubblica, tra cui anche l’emissione di un’ordinanza rivolta:

- ai titolari di aziende zootecniche ed agricole con allevamento di animali;

- ai proprietari di terreni agricoli;

- ai proprietari di terreni incolti;

- ai titolari di depositi di rifiuti, materiali organici animali o vegetali.

Nella sottostante sezione allegati è disponibile l’ordinanza emessa per l’anno 2019.


CHI :  

UFFICIO ECOLOGIA


Municipio, Piazza LibertÓ n.1, Piano Terra

RESPONSABILE :  

Viviana Lazzarini

ALLEGATI

Versione Stampabile Versione Stampabile