Blatte - come prevenire l′infestazione  

CHE COSA È E A CHE COSA SERVE :  

Alcune informazioni sulle blatte

Le due specie più comunemente rinvenibili negli ambienti del Nord Italia sono: la Blattella germanica (fuochista) e la Blatta orientalis (scarafaggio nero o delle fogne). In determinate aree, ove il clima invernale è più mite, è diffusa anche la presenza di Periplaneta americana in particolar modo all’interno della rete fognaria.  Più rara è la presenza di Supella longipalpa (blatta dei mobili).

Gli scarafaggi sono attivi durante la notte, quando escono dai loro nascondigli per cercare cibo.

Le blatte proliferano in ambienti molto diversi tra loroaccomunati soltanto da specifiche condizioni di umidità e calore in cui, naturalmente, sia disponibile del cibo.

La rete fognaria costituisce un ottimo ambiente per la sopravvivenza invernale di Blatta orientalis e Periplaneta americana. Nel periodo più caldo dell'estate (luglio-agosto) non è raro osservare le blatte uscire di notte dai pozzetti di raccolta delle acque piovane.

La prevenzione è rappresentata dall’insieme di pratiche ed accorgimenti necessari per evitare che le blatte si insedino negli edifici, utilizzando come vie di transito le condotte e le canalette degli impianti di servizio (elettrico, di riscaldamento e/o di raffreddamento, scarichi delle acque di lavaggio, scarichi di acque nere, ecc.).

In realtà il ridottissimo spessore del corpo delle blatte e la loro capacità di attraversare tratti di tubature sommerse consentono a questi insetti di partire dagli impianti fognari e giungere all’interno degli edifici iniziando la colonizzazione dagli scarichi fognari (Blatta orientalis). L’utilizzo delle colonne di scarico come via di passaggio spiega, ad esempio, l’infestazione da blatte ai piani superiori di condomini od altri edifici. È pertanto possibile trovare una blatta nera in un piatto doccia, lavabo, vasca da bagno senza che vi sia una effettiva infestazione nell'appartamento. La blatta, dopo essere uscita dallo scarico, è rimasta imprigionata nel sanitario perché non riesce ad arrampicarsi sulla ceramica.

I “punti critici” da ricercarsi nella ispezione dei locali infestati, che dovrebbe sempre precedere la fase di disinfestazione con mezzi chimici, sono rappresentati da: scollamenti delle piastrelle di pavimentazioni e rivestimenti murari, alterazione delle malte poste a guarnizione tra pavimentazione e griglie o tombini di scolo, scostamento dei paraspigoli, presenza di controsoffittature, pareti perlinate o separatori in cartongesso.

Comportamenti utili per la prevenzione delle infestazioni

Al fine di contenere l’infestazione delle blatte (scarafaggi), il Comune di Dalmine affida annualmente a ditte specializzate del settore l’esecuzione di interventi di deblattizzazione sulle caditoie di raccolta delle acque meteoriche presenti nelle strade, nelle vie oggetto di segnalazione, e richiede alla società Uniacque l’effettuazione dello spurgo delle stesse.

Il solo intervento dell’Amministrazione Comunale non può essere sufficiente a debellare i rischi di infestazione.

I focolai di sviluppo delle blatte, infatti, sono principalmente presenti nelle reti fognarie private (secondarie); da lì poi le blatte possono muoversi attraverso le condutture della rete fognaria comunale e della rete di raccolta delle acque meteoriche, per poi fuoriuscire dai tombini lungo le strade.

È pertanto indispensabile un’attiva collaborazione da parte di tutti i cittadini, ai quali è richiesto di seguire gli accorgimenti sopra descritti così riassumibili: mantenere in ordine e puliti i propri giardini e le proprie case, spurgare con regolarità le proprie reti fognarie e le eventuali fosse biologiche ancora esistenti (vere e proprie “mense” per le blatte), gestire in maniera corretta i propri rifiuti organici e vegetali, sigillare l’esterno e le pareti interne per impedire l’ingresso di questi insetti in casa, e procedere alla disinfestazione dei locali e dei giardini tramite ditte specializzate del settore in caso di infestazioni consistenti.

Per segnalare la presenza di blatte in spazi pubblici, si può contattare direttamente il Servizio Tutela Ambientale e Territoriale del Comune, telefonando al numero 035-6224875 o inviando una mail all’indirizzo ecologia@comune.dalmine.bg.it


CHI :  

UFFICIO ECOLOGIA


Municipio, Piazza LibertÓ n.1, Piano Terra

RESPONSABILE :  

Mauro De Simone

Versione Stampabile Versione Stampabile