Torri di raffreddamento a umido e condensatori evaporativi - catasto  

CHE COSA È E A CHE COSA SERVE :  

La Regione Lombardia, con le modifiche apportate nel giugno 2019 alla L.R. n. 33/2009 “Testo unico delle leggi regionali in materia di sanità”, ha posto in capo ai Comuni l’obbligo di predisporre e curare il registro delle torri di raffreddamento a umido e dei condensatori evaporativi al fine di prevenire e monitorare i rischi ambientali per la legionella.

Per “torre di raffreddamento” si intende ogni tipo di apparato evaporativo (torre di raffreddamento a circuito aperto, torre evaporativa a circuito chiuso, condensatore evaporativo, raffreddatore evaporativo, scrubber) utilizzato in impianti di climatizzazione di edifici (residenziali o ad uso produttivo), in processi industriali, in impianti frigoriferi o in sistemi di produzione energetica, caratterizzato dall’impiego di acqua con produzione di aerosol ed evaporazione del liquido.

E' attivo, ai fini della notifica, il sistema telematico Ge.T.Ra – Gestione Torri di Raffreddamento.

L’adempimento all’obbligo di notifica deve essere assolto caricando i dati degli impianti di raffreddamento nella apposite maschere del sistema Ge.T.Ra, disponibile all’indirizzo https://www.previmpresa.servizirl.it/getra/, entro il 28/02/2020.

L’accesso al servizio deve avvenire tramite CRS/CNS (è richiesto il PIN)/SPID.

Nella sottostante sezione “allegati” è disponibile il manuale d’uso “Guida per l’utente Proprietario Impianto”.

I funzionari comunali e delle ATS, accedendo al sistema, potranno vedere le schede caricate dalle aziende site sul territorio di competenza.

Tale sistema dovrà essere utilizzato anche per notificare ogni nuova installazione, ogni modifica ed ogni cessazione permanente (entro 90 giorni).

La notifica attraverso il sistema assegnerà a ciascun impianto un univoco numero di registrazione a cui il proprietario dovrà sempre riferirsi nel caso di un aggiornamento dei dati e a cui le ATS, nel sistema Impres@-BI, assoceranno i relativi controlli.

Si ricorda che i gestori degli impianti sono responsabili della tenuta dei seguenti documenti, da mettere a disposizione del personale delle ATS durante gli eventuali controlli:

  • documento di valutazione e gestione del rischio legionella;
  • presenza di un piano di autocontrollo per ricerca di legionella e relativi esiti;
  • schema dell’impianto, planimetria e documentazione fotografica;
  • registro di manutenzione dell’impianto;
  • schede tecniche dei prodotti utilizzati per pulizia e disinfezione.

Si rimanda alle “Linee guida per la prevenzione ed il controllo della Legionellosi”, disponibili nella sottostante sezione “allegati”, per la corretta gestione degli impianti e per l’illustrazione delle attività a carico dei gestori per garantire il contenimento del rischio di legionella (si veda in particolare il paragrafo “5.7. Gestione degli impianti di raffreddamento a torri evaporative o a condensatori evaporativi”).


CHI :  

UFFICIO ECOLOGIA (STAET)


Municipio, Piazza della Libertà n.1, Piano Terra

RESPONSABILE :  

Viviana Lazzarini

ALLEGATI

Versione Stampabile Versione Stampabile